Allattamento: Informazioni

Il latte materno costituisce l'alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale: allattare al seno fin dai primi momenti di vita rinforza legame tra te e il tuo bambino.

Il latte materno:

  • contiene proteine, lipidi, sali minerali e zuccheri in quantità e proporzioni adeguate alle necessità del tuo bambino.
  • è composto per circa il 90% di acqua, quindi garantisce l ‘idratazione ottimale, senza che il bimbo debba bere acqua o altri liquidi .
  • protegge il neonato dagli agenti patogeni presenti nell'ambiente esterno perché contiene cellule immunocompetenti. I neonati allattati al seno sviluppano una flora intestinale (ricca di bifidi ) che li aiuta a difendersi dalle gastroenterite.

Vantaggi per il neonato

L'allattamento materno:

  • è particolarmente adatto per soddisfare i bisogni alimentari e emotivi del vostro bambino. Al vostro seno, vostro figlio troverà il nutrimento perfetto per il suo corpo che è in rapida crescita, nonché l'amore e la sicurezza di cui ha bisogno per svilupparsi come persona.
  • è una fonte naturale di immunità. Il corpo della madre che allatta al seno produce anticorpi contro i germi che minacciano la salute del suo bambino e glieli passa attraverso il latte. Inoltre, il latte materno contiene cellule vive che combattono i batteri nello stomaco del bambino.
  • riduce le malattie respiratorie. I bambini nutriti con latte materno esclusivo sono meno predisposti a malattie gravi come bronchite o polmonite.
  • comporta una minore incidenza di allergie.

Vantaggi per la madre

L'allattamento materno:

  • favorisce il legame madre-bambino. Le poppate frequenti offrono molte occasioni di contatto " pelle a pelle " perché permette ad entrambi di conoscersi meglio.
  • rende i bambini più tranquilli tanto è vero che piangono di meno. Poiché il latte materno è facilmente digeribile, essi hanno meno probabilità di essere disturbati da flatulenza e del male al pancino.
  • non richiede preparazione, è sempre alla temperatura giusta.
  • aiuta a dimagrire. Facilita la perdita dei kili in più che avete preso durante la gravidanza, poiché la produzione di latte richiede un maggior consumo di energie.

Svantaggi

Alla luce delle conoscenze attuali, le condizioni in cui l'allattamento al seno è sconsigliato sono piuttosto limitate.

Oltre al caso in cui venga diagnosticata al bambino la galattosemia, una rara malattia metabolica, l'allattamento non dovrebbe avvenire quando nella madre è presente almeno una delle seguenti condizioni:

  • sieropositività e trattamento con farmaci antiretrovirali per la terapia dell'Aids
  • tubercolosi attiva e non curata
  • uso di droghe
  • terapia antitumorale (chemioterapia o radioterapia) in corso.

Come allattare

Mettetevi in una posizione comoda qualsiasi essa sia.

Fate in modo che il bambino appoggi completamente la sua pancia sul vostro torace.

Avvicinate la bocca del bambino di fronte al capezzolo, in modo che non debba girare la testa per afferrarlo.

Usate l'altra mano per sostenere e portare il seno verso il bambino, tenendo il pollice sopra il seno e le altre dita sotto.

Solleticate toccando il naso e labbro con il capezzolo: il bambino spalancherà la bocca.

Assicuratevi che buona parte della zona scura intorno al capezzolo (areola) e non soltanto il capezzolo, entri nella bocca del bambino .

Allattate da entrambi i seni . Il bambino riesce a regolare da sé la quantità di latte da ingerire, quindi egli si staccherà spontaneamente quando sarà sazio.

Alimentazione in allattamento

Durante l'allattamento devi compensare le spese energetiche sostenute per la produzione di latte. Non serve una dieta speciale, è sufficiente seguire un'alimentazione varia ed equilibrata. Quindi la tua dieta dovrà semplicemente comprendere tutti i principi nutritivi di cui l' organismo ha bisogno:

Proteine che sono contenute in cibi come carne, pesce, uova, legumi, formaggi.

Carboidrati che sono una fonte importante di energia. Privilegia gli zuccheri complessi (che trovi nel pane, pasta e riso) a quelli semplici (che trovi in marmellate, dolci e bevande dolcificate).

Grassi costituiscono la riserva energetica dell'organismo. Gran parte di essi viene assunta con gli stessi cibi che forniscono proteine. Meglio i grassi di origine vegetale a quelli di origine animale (come burro e panna) .

Durante l‘allattamento, oltre a quello energetico, aumenta anche il fabbisogno di vitamine e sali minerali. L'assunzione di una giusta integrazione di acido folico, ferro, calcio, vitamine del gruppo B, vitamine C e D può aiutarti a raggiungere con maggior sicurezza le dosi giornaliere raccomandate di questi alimenti.

Ricordati che durante l'allattamento sarebbe utile non bere superalcolici, limitare caffè, tè e bevande con caffeina, non fumare e non permettere che fumino vicino al tuo bimbo.